Standardizzazione: soluzione di successo

Cognex soddisfa tutte le esigenze di visione, dalla fascia bassa a quella alta con la standardizzazione della piattaforma software In-Sight Explorer. Cécile Jacquin

Per quanto riguarda la semplicità di utilizzo, le soluzioni Cognex - leader mondiale nel settore - sono ineguagliabili: basate sulla gestione di immagini,   includono non solo i prodotti hardware, ma anche interfacce utente complete e facili da usare, che soddisfano tutti i livelli di utilizzo (fascia bassa, media e alta).
Come dimostra l’esperienza di Cognex, l’impiego della tecnologia di visione può essere nel tempo ampliato e approfondito per migliorarne le prestazioni. L’infrastruttura di visione complessiva è stata di fatto rielaborata, installando sistemi completamente nuovi e talvolta molto complessi.
John Keating, direttore marketing del prodotto In-Sight di Cognex, spiega il dilemma: «Anche quando si ampliano le applicazioni di visione disponibili, gli utenti vogliono lavorare con lo stesso software a cui si sono già affidati, in quanto hanno acquisito un determinato know-how e utilizzano quei sistemi già in modo efficiente. I nuovi software, al contrario, richiedono maggiore impegno».
Per questo motivo Cognex, insieme alla facilità d’uso, ha curato con particolare attenzione la modularità delle sue soluzioni. La piattaforma utente In-Sight Explorer è utilizzabile per tutti i prodotti ed è dotata di funzioni progressive. Offre pertanto flessibilità, soprattutto quando l’applicazione di visione deve essere ampliata, consentendo di passare dall’impiego di una telecamera con funzioni di base, da configurare in modo rapido e semplice con Easybuilder, a sistemi complessi basati sulla configurazione libera mediante fogli di calcolo (foto 1 e 2).  

L’importanza del software

La flessibilità e l’intuitività, pur senza sacrificare la produttività, sono criteri importanti per l’utilizzo dell’elaborazione di immagini, che Cognex è in grado di soddisfare grazie al software In-Sight Explorer.
Dal punto di vista hardware, con la serie In-Sight 2000 l’utente ha a disposizione numerosi sensori per l’elaborazione delle immagini, affidabili e facili da usare.
John Keating spiega che «l’utente può iniziare con il sensore ultracompatto e facile da usare In-Sight 2000 e crescere a seconda delle esigenze, senza peraltro abbandonare l’affidabile piattaforma software. La soluzione di visione si adatta quindi sempre all’applicazione, anche quando le esigenze aumentano».

La serie collabora perfettamente con In-Sight Explorer che, nel complesso, si dimostra di facile apprendimento.
Con EasyBuilder, lo strumento pratico e facile da usare anche per i meno esperti, messo a disposizione con In-Sight Explorer, è possibile una configurazione passo-passo.
Gli utenti più esperti possono invece svolgere le ispezioni in modo molto rapido e affidabile in qualsiasi ambiente produttivo. Non è necessario avere conoscenze di programmazione: le applicazioni possono essere implementate e avviate in tempi rapidi.

Keating ricorda che «a differenza di altri prodotti sul mercato, siamo in grado di offrire soluzioni flessibili per un passaggio senza intoppi dalla fascia bassa a quella alta».
La flessibilità è necessaria al variare delle esigenze, ad esempio per applicazioni complesse di elaborazione di immagini in cui non sia richiesto il semplice riconoscimento del pezzo, ma un confronto immediato dei dati nell’immagine stessa, oppure la lettura di codici e la verifica dei dati.
In questi casi In-Sight Explorer si dimostra particolarmente flessibile ed è anche in grado di supportare telecamere Cognex a elevate prestazioni, come In-Sight 7000 (foto 3), mettendo a disposizione le relative funzionalità.
Gli utenti esperti possono anche eseguire applicazioni per l’elaborazione di immagini complesse, grazie alla maggiore possibilità di configurazione. Gli utenti avanzati con In-Sight Explorer possono avvalersi delle elevate prestazioni e della flessibilità dei fogli di calcolo per trovare soluzioni ad applicazioni relative a programmazioni più complesse, con una quantità di piattaforme hardware decisamente ridotta.

L’hardware di domani deve adattarsi al software di oggi
La serie In-Sight 2000 utilizza In-Sight Explorer per l’impostazione e il controllo dell’elaborazione di immagini. Anche il recente sistema  In-Sight 7000 di seconda generazione (G2) utilizza il software In-Sight Explorer per l’impostazione e il controllo dell’elaborazione di immagini.
Questa serie di prodotti consente agli utenti avanzati di utilizzare i fogli di calcolo per specifiche esigenze.
Il sistema comprende la serie completa di strumenti per l’elaborazione di immagini In-Sight, tra cui il software di allineamento PatMax RedLine, la tecnologia SurfaceFX per la produzione ottimale di immagini mediante estrazione delle caratteristiche, e OCRMax per il riconoscimento ottico dei simboli.  
L’utilizzo dei prodotti In-Sight consente pertanto il massimo rendimento nelle operazioni di ispezione, riducendo gli errori al minimo.
In-Sight 7000 (G2) è un sistema di elaborazione di immagini dotato di numerose funzioni e dalle elevate prestazioni. Molto versatile, è adatto all’ispezione rapida e precisa di diverse tipologie di pezzi, indipendentemente dal settore (foto 4 e 4A).
Le dimensioni compatte lo rendono perfetto per linee di produzione con spazi ridotti. Il rendimento migliorato tiene il passo con la velocità delle linee, che risulta in continuo aumento. Il design modulare di In-Sight 7000 consente oltre 400 configurazioni del campo visivo, perciò questo è il sistema più flessibile per l’elaborazione delle immagini.

Standardizzazione della visione: una scelta strategica
Per le aziende la standardizzazione di un software significa certezza sul futuro della tecnologia e affidabilità nella produzione. I tempi di fermo sono praticamente inesistenti, dal momento che i sistemi possono essere rapidamente sostituiti per l’upgrade.
Al riguardo, John Keating conclude: «Oggi è possibile fornire pezzi di ricambio entro 48 ore. Gli strumenti da sostituire sono facili da scambiare e veloci da configurare, in quanto le impostazioni vengono trasferite».
La tecnologia Cognex costituisce in questo senso una tutela dell’investimento, in quando il produttore sarà in grado di offrire anche in futuro un hardware avanzato e un software compatibile. Una garanzia al riguardo è data dai costanti investimenti di Cognex in R&D, come dimostrano i 900 brevetti acquisiti che ne confermano la posizione di leader tecnmologico. L’azienda conta inoltre 500 partner distribuiti in 30 paesi, in grado quindi di offrire un supporto direttamente in loco a livello mondiale.                           

Cécile Jacquin
Marcom Specialist, Cognex Germany Inc

 

 

 

 

08.02.2018

Sfoglia gli ultimi numeri delle riviste